Siti amici :      L i n k s        F o r u m        Web Directory       LucaDea       Funghi      Caccia&Tordi
                          Orticoltura      Plac2005 Directory      WebRicette      Nonno Giorgio      Musica.midi
   Rubriche :       H o m e          WebMaster        Meteo            Chat            Guestbook         Fotografie  




Pagine di pesca


  Anguille   Cavedani   Cefali   Gronghi   Murene   Mormore   Occhiate   Polpi   Salpe   Saraghi

Pagine di funghi


  Ovoli
  Vesce


Pagine di caccia


  Fucili

Pagine di orticoltura





Google Analictys

WWW.sartorio.it: web directory
caccia al cinghiale
ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale GrandePadre.com
Vota questo Sito
in Sullarete.it

Segnalato in:
 www.giovani.it


un bel motore italiano. iscriviti gratis

directoryplac2005 - scambio links


Nonno Giorgio

Nonno Giorgio
     


Murena (Muraena helena) in Casalvelino, Acciaroli SA, Vecchio Faro Fiumicino RM, Santa marinella RM ...

Come il Grongo e l'Anguilla, ha il corpo allungato a forma di serpente, occhio rotondeggiante, bocca con mascella inferiore sporgente di poco, presenta denti affilati e rivolti all'indietro. Come tutti gli anguilliformi non ha scaglie ma al loro posto una sostanza grassa. murena La livrea Ŕ di diversi colori, diciamo che largo modo rispecchia quelli dell'ambiente, bruna, castana, a macchie gialle con varie tonalitÓ. Raggiunge buone dimensioni, oltre il metro e mezzo.



L'habitat Ŕ molto simile a quello dei gronghi, ho fatto buone catture nelle dighe foranee o nella sabbia appena fuori dalle scogliere naturali o artificiali. Le carni sono buone, l'unico problema sono le piccole spine poste lungo la linea laterale. Prima della spellatura le elimino ricorrendo ad un trucco che, tanti anni fÓ, mi ha insegnato un vecchio grongarolo.
Occorrente: uno sgabello da bagno, due assicelle di legno 70x20, una murena o un grongo, un gatto. Istruzioni per l'uso: sedersi sullo sgabello, legare una tavoletta murena 1 ad ogni ginocchio, infilare la murena tra le tavolette aiutandosi con una mano, stringere bene le ginocchia e tirare con l'altra il cordino che in precedenza era stato legato al collo dell'animale, all'altezza dell'opercolo. Ripetere l'operazione una decina di volte, infine tagliare gli ultimi 20 cm. di coda, la testa della bestia, e darle da mangiare al gatto. N.B.: la mancanza del gatto non pregiudica l'esito dell'operazione. Scherzo, cmq il sistema funziona; provare per credere. Il vecchio mi diceva che le spine fastidiose si trovano in superficie tra il grasso sotto la pelle, il "massaggio" le porta verso la coda e vengono eliminate gettando la parte.

E' un animale da prendere con le molle, mi fa pensare a quelle persone sempre incacchiate ... sarÓ l'aspetto un po' trucido? Mah, vende cara la pelle, questo Ŕ sicuro. Inoltre il morso Ŕ molto doloroso perchŔ tende a strappare arrotolandosi su se stessa per liberarsi
murena 2 e, nello stesso tempo, inietta una tossina dagli effetti preocupanti, ma che, di solito, si risolvono presto, al contrario delle ferite che impiegano molto tempo a rimarginarsi. Amico che mi leggi, occhio se sei un neofita! Io, tanto per essere chiaro, quando vado a gronghi e a murene, tengo a portata di mano una specie di mazzuolo di legno, quello che adoperano gli intagliatori ... ci siamo capiti? La pesca a questo magnifico animale ricalca, largo modo, quella del grongo: stesse esche, stessi monofili ... cmq va salpata velocemente perchŔ se riesce a raggiungere una fessura nelle rocce, e si accoda, ci conviene tagliare la lenza e preparare un nuovo calamento: si gonfia e non la tiriamo fuori neanche a pezzetti.


Pesco le murene anche di giorno nelle buche murena 3 tra i massi delle dighe foranee con la lenza a mano: pastura preventiva a base di pane duro gratuggiato, sarde macinate, sale, sabbia al 50%, acqua quanto basta ad amalgamare il tutto, monofilo del 100, piombo del 100, moschettone, finale in cordina d'acciaio, amo grosso con un pezzo di sarda. Calo a mezz'acqua. Al primo tocco deciso salpo la lenza. Molto spesso non viene allamata ( dopo qualche minuto ritorna alla carica), ma concederle pi¨ lenza e tempo significa cmq perderla: troverebbe il modo di infilarsi in una fenditura qualunque e non resterebbe che tagliare il filo e provare in un'altra buca.

 
© all right reserved - GiorgioMuscas WebMaster in Roma - Italy
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle foto contenuti nel sito. L'autorizzazione pu˛ essere richiesta tramite      e-m@il      e viene concessa solo in presenza di link a      http://pesca45.altervista.org      nel sito che utilizza il presente materiale.