Siti amici :      L i n k s        F o r u m        Web Directory       LucaDea       Funghi      Caccia&Tordi
                          Orticoltura      Plac2005 Directory      WebRicette      Nonno Giorgio      Musica.midi
   Rubriche :       H o m e          WebMaster        Meteo            Chat            Guestbook         Fotografie  




Pagine di pesca


  Anguille   Cavedani   Cefali   Gronghi   Murene   Mormore   Occhiate   Polpi   Salpe   Saraghi

Pagine di funghi


  Ovoli
  Vesce


Pagine di caccia


  Fucili

Pagine di orticoltura





Google Analictys

WWW.sartorio.it: web directory
caccia al cinghiale
ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale GrandePadre.com
Vota questo Sito
in Sullarete.it

Segnalato in:
 www.giovani.it


un bel motore italiano. iscriviti gratis

directoryplac2005 - scambio links


Nonno Giorgio

Nonno Giorgio
     


Anguilla - Capitone in Roma e dintorni

E' un animale di forma cilindrico-allungata, schiacciato posteriormente, (misure: 30-50 cm i maschi e 40-100 cm le femmine); la pelle è abbastanza spessa e grassa, colore verdastro, spesso grigio scuro, ventre bianco o giallastro.
Habitat - abitudini. Di giorno sta nascosta nel fango del fondo, in mare, in acque salmastre e dolci e nelle falde sotterranee; tollera molto bene gli sbalzi di temperatura e di salinità. Vive nelle acque interne fino a maturità sessuale, poi si dirige in mare dove si riproduce in alcune zone dell’Oceano Atlantico, nel Mar dei Sargassi e delle Isole Bermude. Le larve, dopo un lungo viaggio ed alcune metamorfosi, raggiungono i fiumi come anguille trasparenti comunemente chiamate "ceche". Crescendo diventano giallastre, mentre nel periodo della riproduzione avevano il dorso nero e il ventre argenteo. Le anguille, al pari dei salmoni, muoiono dopo la riproduzione. La femmina può raggiungere grandi dimensioni e viene chiamata "capitone". Può pesare fino a 6 Kg; i maschi sono più piccoli, difficilmente il loro peso supera i 200 grammi. Ha abitudini prevalentemente notturne. E’ un cacciatore attivissimo; di ottimo olfatto, predilige gli invertebrati sul fondo, pesci e uova, anfibi e vertebrati che frequentano gli ambienti acquatici.

La pesca con le nasse: alcuni vecchi barcaroli-pescatori conseguono buoni risultati col bertovello, una specie di nassa. E' uno strumento a forma di cono con all’interno setti sempre più piccoli che favoriscono l’entrata del pesce e ne impediscono la fuga. Esche più comuni: granchio comune, vermi e lombrichi. I periodi più redditizi vanno da ottobre a gennaio, soprattutto dopo abbondanti piogge.
La pesca a fondo e’ la più usata e la più redditizia per il pesca-sportivo: di notte o col fiume sporco, di solito, si fanno buone catture.
Sappiamo che l’anguilla un pesce molto vivace e, una volta punto dall'amo, vende cara la pelle. Io ferro in maniera decisa e recupero velocemente: se l’anguilla riesce ad "accodarsi" intorno ad un ramo sommerso o a raggiungere qualche fessura sul fondo è impossibile da salpare. Ne consegue che gli attrezzi devono essere robusti e il nylon di un certo diametro. Per la pesca alla nostra amica non costruisco montature sofisticate cerco di adeguarle al luogo, e ai probabili ostacoli presenti sul fondo. Nei porti: lenza madre dello 0,30 , piombo scorrevole, terminale dello 0,25 lungo 50 cm, amo del 7 a gambo corto.
Nel Tevere: lenza madre dello 0,40, piombo da 80 gr per contrastare la corrente, girella a moschettone, terminale dello 0,30 lungo 50cm, amo forgiato storto del n°6 .
C'è chi pesca con lanci lunghi ... io preferisco pescare vicino alla riva in quanto lì è più probabile la presenza dei lombrichi, esca che l'anguilla conosce bene. Possono innescati su ami dal n° 4 al n°7. Per i capitoni, nei canali di Maccarese, adopero il fegato e il polmone di pollo: pezzi lunghi 3-4 cm, innescati su ami n°7.
L'abboccata, di solito, è preceduta da uno, due timidi squilli del campanello posto sul cimino e termina con un'affondata decisa.
Per uccidere l’anguilla, limitandone le sofferenze, l' afferro con una mano avvolta in uno straccio umido, che avevo in precedenza strofinato sulla sabbia, per la testa e con l’altra mano la colpisco sulla coda con un pezzo di legno, in modo da rompere il sacco linfatico. Attenzione ad evitare il contatto con ferite sulla pelle o altro perchè Il sangue dell’anguilla è tossico.

 
© all right reserved - GiorgioMuscas WebMaster in Roma - Italy
E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei testi e delle foto contenuti nel sito. L'autorizzazione può essere richiesta tramite      e-m@il      e viene concessa solo in presenza di link a      http://pesca45.altervista.org      nel sito che utilizza il presente materiale.